Rientro soft o rientro shock?!

Rientro vacanze

Rientro soft o rientro shock?!

Come reagire alla nostalgia dell’estate?

Si sa, il cambio stagione o meglio, la fine dell’estate, spesso lasciano strascichi di nostalgia e malinconia a chi deve “dimenticare” la sua dimensione di vacanza per rientrare a pieno titolo nella dura realtà e quotidianità. Per l’occasione abbiamo intervistato la nostra psicologa Alessandra Bentivogli e raccolto alcuni consigli su come rendere più agevole il cambio di stagione e trasformare la ripresa in un rientro soft.

Racconta Alessandra:

Qualche giorno fa un ragazzo, parlando del suo rientro a scuola, si lamentava dell’enorme differenza che sentiva rispetto all’estate, dicendo mi manca il profumo dell’estate.

La stagione autunnale, infatti, ci porta facilmente attimi di nostalgia, nel momento stesso in cui ricordiamo quanto siamo stati bene e quanto ci siamo sentiti coccolati.

Come mantenere un legame con la vacanza e conservare un approccio positivo al momento del rientro?

Partiamo dal presupposto che l’estate è finita, è tempo di muoversi e ripartire: il cambio di stagione impelle. Anche le vacanze sono finite ma prima di ricominciare, occorre dire a noi stessi che il lavoro è certamente importante, ma la vita lo è di più. Proviamo a non perdere la gioia e la serenità provata in vacanza e trasformiamo la ripresa in un rientro soft. Dovremmo cercare di vivere ancora così, prendendoci cura di noi, facendo quelle lunghe camminate, ora in un parco invece che in spiaggia.

Cerchiamo di respirare e di ascoltarci mentre viviamo nella quotidianità.

Non perdiamo di vista noi.

Ricordiamoci sempre che la vita, noi, le nostre emozioni e i nostri affetti sono più importanti di qualsiasi cosa. In questo modo riusciremo sempre a mantenere la serenità giusta per lavorare bene e vivere ancora meglio.

Come gestire la nostalgia?

La nostalgia fa parte del rientro, certamente. Ci sentiamo diversi, a volte tristi. È assolutamente naturale, perché la sensazione di vacanza, di non avere tempi ristretti, di non avere obblighi e doveri, sembra svanita improvvisamente. Ci sentiamo stretti e rituffarsi in una routine così diversa da quei momenti di spensieratezza ci fa sentire persi, perché vorremo essere altrove.

Quindi, proviamoci e rendiamo il nostro rientro soft, dolce e quasi auspicato.  Proviamo a restare in quella realtà che non è più la vacanza, ma che comunque potrebbe rivelarsi non così difficile e trasformarsi in una piacevole nuova realtà. Il segreto è farla propria, riappropriarsi di quella bellezza, di quei momenti felici: teniamoli stretti, dentro di noi e rievochiamoli spesso.

Dicono che il periodo del rientro e il cambio di stagione siano i momenti migliori per iniziare a fare sport?

Sì, potrebbe essere vero, ma a patto che sia uno sport che ci piace, che ci fa sentire bene, che ci permette di stare ancora nel piacere, proprio come quando eravamo in vacanza.

In sintesi, dobbiamo trasformare in vacanza la vita di tutti i giorni ?

Esatto, non dimentichiamoci la meravigliosa vacanza passata, ma continuiamo a fare ciò che facevamo. Prendiamoci cura di noi, come se fossimo ancora in vacanza!

Tags: